Previdenza. Ganga: "Spazi per correggere la legge Fornero non sono esauriti. Tavolo su previdenza va riaperto con il Governo Conte"

Cagliari, 12 luglio 2018


"La sostenibilià finanziaria del sistema previdenziale, richiamata dal rapporto 2018 della Corte dei Conti sul coordinamento della finanza pubblica, non può ridursi ad una curva matematica, ma deve essere riconnessa alla sostenibilità sociale". E' quanto sottolinea il Segretario Confederale della Cisl, Ignazio Ganga responsabile della previdenza. "Gli spazi per correggere la legge Fornero sulle pensioni ed anche il sistema previdenziale nel suo complesso laddove non si dimostri socialmente adeguato, non sono esauriti, come sostiene oggi la Corte dei Conti. Piuttosto devono essere profondamente ripensati, ad esempio iniziando a separare e ridefinire le voci che fanno capo alla previdenza e all'assistenza per consentire comparazioni più corrette a livello internazionale. A questo proposito auspichiamo che la Commissione di studio prevista su questo tema dall'ultima legge di bilancio venga convocata al più presto", aggiunge Ganga.

"Le pensioni sono profondamente collegate al lavoro, allo sviluppo economico e a politiche a sostegno della famiglia e della natalità, ed è tenendo insieme tutti questi aspetti che bisogna intervenire. Come sindacato ne siamo perfettamente consapevoli. Per questo chiediamo al Governo Conte di convocare le parti sociali riaprendo il cantiere previdenziale per iniziare il confronto sulla materia pensionistica" ha concluso Ganga.

  






Articoli correlati:


Si sono svolti, questo pomeriggio, nella basilica di N.S. di Bonaria, a Cagliari, i funerali di Antonio Piras, per tutti i sindacalisti "NIco", morto l    ...continua








Ogni giorno in Sardegna oltre 140 dipendenti, 250 collaboratori volontari – la maggior parte rappresentanti sindacali locali e dirigenti pe    ...continua






L’ultimo rapporto Svimez conferma il realismo con cui dobbiamo guardare i processi economici verificatisi in Sardegna negli ultimi anni. La grande crisi no    ...continua