Canone Rai 2018: esenzione over 75. I nuovi moduli

Cagliari, 16 aprile 2018

La legge finanziaria 2008 ha previsto, a decorrere dall'anno 2008, l'abolizione del pagamento del canone di abbonamento alla televisione per uso privato per i soggetti di età pari o superiore a 75 anni che siano in possesso di determinati requisiti reddituali.
Il Ministro dell'economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, ha stabilito per l'anno 2018 l'ampliamento sino ad euro 8.000 della soglia reddituale prevista dalla finanziaria 2008.
Il 4 Aprile, con provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle entrate, è stato disposto l'approvazione del modello di dichiarazione sostitutiva da parte degli over75 anni, ai fini dell'esenzione dal pagamento del canone di abbonamento alla televisione per uso privato, con le relative istruzioni.
Inoltre, con il medesimo provvedimento è stato approvato il modello, con le relative istruzioni, per la richiesta di rimborso del canone di abbonamento alla televisione per uso privato versato dai contribuenti in possesso dei requisiti di esenzione.
Come informa il sito FNP-Cisl la dichiarazione sostitutiva del presente provvedimento può essere resa unitamente alla richiesta di rimborso.
I modelli approvati con il provvedimento, che si possono scaricare dal sito FNP Cisl, con le relative istruzioni, sono reperibili anche sui siti internet dell'Agenzia delle entrate e della RAI e sostituiscono quelli allegati alla circolare dell'Agenzia dell'entrate n. 46/E del 20 settembre 2010.
I modelli presentati all'Agenzia delle entrate anteriormente alla data di pubblicazione del presente provvedimento si considerano validi a condizione che siano resi ai sensi degli articoli 46 e 47 del Dpr n. 445/2000, e che contengano tutti gli elementi richiesti dai modelli approvati per la specifica tipologia di dichiarazione resa.
La dichiarazione sostitutiva e la richiesta di rimborso possono essere presentate, unitamente ad una copia di un valido documento di riconoscimento, a mezzo del servizio postale in plico raccomandato, senza busta, all'indirizzo Agenzia delle entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. Sportello abbonamenti TV – Casella Postale 22 – 10121 Torino e si considera presentata nella data di spedizione risultante dal timbro postale. La ricevuta dell'avvenuta spedizione è conservata per l'ordinario termine di prescrizione decennale ed è esibita a richiesta dell'Agenzia delle entrate.
La dichiarazione sostitutiva e la richiesta di rimborso possono essere trasmesse anche mediante posta elettronica certificata, all'indirizzo cp22.sat@postacertificata.rai.it, purché firmati digitalmente. In alternativa, le stesse possono essere consegnate presso un ufficio territoriale dell'Agenzia delle entrate.
  






Articoli correlati:


La legge finanziaria 2008 ha previsto, a decorrere dall'anno 2008, l'abolizione del pagamento del canone di abbonamento alla televisione per uso privato pe    ...continua






Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti Uil hanno appreso, attraverso gli organi di stampa, della volontà del ministero dell'Istruzione, Università e Ri    ...continua






Negli ultimi giorni di febbraio, sui mezzi di informazione, si è sviluppato un intenso dibattito intorno ad una sentenza del Tribunale Civile di Roma (n.14    ...continua