La strada per creare sviluppo e occupazione in Sardegna passa attraverso il rilancio dell’edilizia, unico settore con capacità anticiclica e con effetto moltiplicatore su diversi settori produttivi. Documento della Filca -Cisl regionale (lavoratori

Cagliari, 13 aprile 2018

"C’è bisogno di una forte scossa per invertire le tendenze in atto nel mercato del lavoro sardo. Da troppo tempo perdura una condizione di stasi i cui effetti sono riscontrabili nell’alto tasso di disoccupazione che in Sardegna risulta il doppio di quello nazionale". Nuovo appello del segretario generale della Filca-Cisl , Giovanni Matta, perchè la Regione si adoperi per rimettere in movimento il settore edile tradizionalmente promotore di sviluppo in diversi altri settori produttivi . Il progetto Lavoras e cantieri comunali non sono la strada più interessante per uscire dalla stasi. "O perlomeno non rappresentano l’unica strada, secondo il sindacalista.
"Nella nostra Regione, infatti, oltre il 17% della forza lavoro è priva di una occupazione a fronte della media nazionale attestata, come evidenzia l’ultimo aggiornamento dell’Istat, attorno all’8,5%. Poco meno di 100 mila Sardi - dice Matta - sono fuori dai circuiti occupazionali a cui si devono sommare altri 200 mila inoccupati che il lavoro, dopo tanti no e tante porte chiuse in faccia, non lo cercano più. Nel recente periodo, complice il risultato elettorale non proprio soddisfacente per alcune Forze Politiche, assistiamo ad un dibattito che vorrebbe riportare al centro dell’azione politica ed istituzionale il tema lavoro e la necessità di creare nuove opportunità occupazionali. Non è chiaro però dove si vuole approdare".
La Filca Cisl auspica che " il tutto non si esaurisca con il solo dare impulso affinché decolli velocemente il nuovo Piano Del Lavoro recentemente licenziato dal Consiglio Regionale. Pur apprezzando lo sforzo, pure necessario per alleviare le sofferenze dei tanti disoccupati, che attraverso Il progetto Lavoras, o quello dei cantieri comunali ,potranno godere di alcuni mesi di lavoro, siamo convinti - aggiunge Matta - che questa non sia la strada più interessante per uscire dalla stasi. O perlomeno non è l’unica strada!".

"Come Sindacato della Cisl ci riconosciamo nelle riflessioni proposte qualche anno fa dal prof. Paolo Savona che dalle pagine di un quotidiano sardo suggeriva, sull’argomento, una strategia di lungo respiro. Nella proposta formulata, elaborata a corredo del pluriannunciato “Nuovo Piano di Rinascita” egli osservava che i pannicelli caldi non erano sufficienti a scuotere il sistema produttivo sardo il quale necessita invece di un incremento del Pil di 4/5 punti all’anno. Solo così si può invertire il trend del tasso di disoccupazione che almeno da 15 anni viaggia a due cifre.

Un tale risultato - secondo Matta - si può ottenere investendo tutte le risorse disponibili in infrastrutture. "Necessarie peraltro per consentire una nuova fase di sviluppo. Non dimentichiamo infatti che la Sardegna è terzultima nella graduatoria delle Regioni Italiane per dotazione infrastrutturale, che fatto 100 l’indice medio nazionale vede la nostra isola ferma a 48. Per queste ragioni come Filca non ci stanchiamo di ripetere che la strada per creare sviluppo e occupazione passa attraverso il rilancio dell’edilizia, unico settore con capacità anticiclica, e con un effetto moltiplicatore su diversi settori produttivi".

Una qualificata documentazione in merito evidenzia che i Paesi Europei che hanno brillantemente superato la fase recessiva degli anni scorsi, hanno agito proprio sul versante degli investimenti in edilizia ed in particolare sulle Opere Pubbliche. Gli ambiti dove intervenire sono tanti: Strade, Ferrovie, bonifiche dei siti inquinati, bonifiche idrauliche etc, tutte aree dove intervenire, anzi, dove è sempre più urgente intervenire. Migliorando gli attuali assetti e in alcuni casi potenziando ed allargando l’esistente.

"Si tratta di programmare meglio le risorse disponibili e gli investimenti futuri", aggiunge Matta. "Certo occorre pensare in grande. Occorre inoltre una visione di futuro orientata ad indicare la Sardegna che verrà e contestualmente programmare risorse ed investimenti per dare concretezza a tale futuro. Sullo sfondo, ma inevitabile, resta l”urgenza” di un grande patto tra Sindacati, Imprese, Enti Locali e Istituzioni Regionali, per avviare una nuova stagione di sviluppo, senza il quale le chiacchiere restano tali. Alla Regione ed alla sua Giunta spetta l’onere di avviare questo processo".








  






Articoli correlati:


Il prossimo 10 maggio assemblea straordinaria dei lavoratori forestali davanti al Consiglio Regionale, in via Roma. Dopo le proteste affidate ai documenti    ...continua








Accrescere le tutele agli oltre 270mila agenti e rappresentanti di commercio e delle figure dell’intermediazione attraverso azioni comuni s    ...continua







"La gestione commissariale di Alitalia dimostra che l'azienda può farcela se riceve investimenti. Esprimiamo quindi forti perplessità su un suo enn    ...continua