Interessa i lavoratori sardi dello stabilimento Ichnusa. Il contratto Integrativo HEINEKEN nel segno dell'innovazione e della partecipazione

Cagliari, 12 marzo 2018


Un importante risultato, il rinnovo dell’accordo di secondo livello, per i circa 1000 dipendenti che lavorano tra la sede, la forza di vendita e i quattro stabilimenti produttivi di Heineken Italia, azienda leader nazionale nel comparto birraio che annovera tra i propri brand anche Moretti, Ichnusa, Sans Souci, Amstel, Mc Farland ecc…

“Un risultato – spiega Massimiliano Albanese, Segretario generale della Fai Cisl Lombardia e coordinatore del Gruppo – che ci soddisfa, e che ha avuto il plauso dell’intera delegazione trattante; sono stati premiati gli sforzi della Fai Cisl, che da subito si è posta l’obiettivo di rinnovare l’integrativo puntando sull’innovazione delle relazioni industriali in chiave partecipativa e sviluppando nuovi contenuti e strumenti, come l’impianto del sistema di professionalità e dell’implementazione del welfare contrattuale, orientato in primis su previdenza e sanità integrativa, genitorialità e sostegno familiare”.

Il nuovo accordo, che sarà valido fino al 2021, prevede un maggior coinvolgimento delle rappresentanze sindacali attraverso la costituzione di “Comitati Paritetici Permanenti” che interverranno su diverse materie: formazione, sviluppo delle competenze, responsabilità sociale, benessere organizzativo, conciliazione dei tempi di vita e lavoro, welfare contrattuale, ambiente, salute e sicurezza.

“Tante le novità – aggiunge il sindacalista – anche sotto il profilo dei contenuti: in un settore di mercato stagionale e fortemente competitivo, accanto alla necessità di un’adeguata flessibilità organizzativa vi sarà un percorso di analisi e confronto congiunto con l’obiettivo comune di valutare l’equilibrio tra esigenze di mercato e benessere organizzativo, anche per favorire forme contrattuali orientate alla stabilità dei rapporti di lavoro e alla crescita occupazionale. Inoltre, si apre un nuovo capitolo sul tema del ponte generazionale, attraverso l’impegno a definire soluzioni condivise per l’ingresso di giovani lavoratori e agevolare l’accesso alla pensione”.

Positiva per la Fai l’innovazione in tema di welfare contrattuale che, attraverso il riconoscimento dell’agevolazione fiscale e contributiva favorisce un potere di spesa maggiore in termini reali verso quei servizi necessari a rispondere ai bisogni e alle variegate esigenze personali e familiari dei lavoratori. Accanto a questo è stata definita un’ulteriore quota annuale (€50,00) a carico dell’azienda che incrementa le risorse destinate alla previdenza integrativa Alifond per chi è già iscritto, e allo stesso tempo diventa un ulteriore incentivo per chi vorrà aderire alla previdenza integrativa, incentivo che varrà anche per i futuri assunti. Non mancano altri punti rilevanti, come l’impegno dell’azienda a selezionare società appaltatrici che rispettino le norme di sicurezza e previdenziali e applichino CCNL sottoscritti dalle OO.SS, evitando così situazioni di dumping sociale.

“Sotto il profilo strettamente economico – conclude Massimiliano Albanese – il rinnovo del premio legato ad obiettivi si aggira tra l’80 e il 95% di quanto richiesto in piattaforma. In termini reali, il premio viene incrementato nel prossimo quadriennio con una quota massima pari a € 1050, con un aumento di quasi il 16% a regime; in termini nominali, si arriva a regime alla quota massima negli stabilimenti produttivi di € 2.765”.


  






Articoli correlati:




Nella giornata di ieri le organizzazioni sindacali hanno inviato una richiesta di incontro urgente al Terminalista per capire cosa intendo    ...continua








Sette articoli del disegno di Legge ““Disciplina generale per il governo del territorio”, che da martedì prossimo sarà discusso dal Consig    ...continua








“L’approvazione da parte del Consiglio dei ministri del disegno di legge cosiddetto “sulla concretezza” avvia il dibattito e speriamo anche    ...continua