La Cisl sarda tra i 20 firmatari dell’Accordo quadro contro le molestie e le violenze nei luoghi di lavoro. F. Tilocca (Cisl): “Preoccupa il fatto che tra le isole la Sardegna abbia la più alta percentuale di donne ( 14 e 65 anni) che hanno subito mol

Cagliari, 08 marzo 2018

L’Accordo quadro sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro è stato firmato questa mattina da organizzazioni sindacali, imprese e istituzioni. Non a caso è stata scelta la data dell’8 marzo per siglare un documento che si colloca sulla scia del Protocollo firmato il 25 gennaio 2016 tra or-ganizzazioni sindacali e Confindustria. Sono, infatti, 1 milione 404 mila (8,9%) le donne che hanno subito molestie fisiche o ricatti sessuali sul po-sto di lavoro: 425 mila (2,7%) negli ultimi tre anni. “ L’accordo – dice la segretaria regionale confederale Federica Tilocca - è di grande rilevanza sociale e culturale, perché il posto di lavoro deve essere un luogo di valori umani positivi che rafforzano e non umiliano la dignità della persona. Per la Sardegna il documento di oggi deve diventare un impegno ulteriore a lottare per ridurre un dato che – secondo un report ISTAT relativo a un'indagine campionaria sulla "Sicurezza dei cittadini", effettuata nel 2015-2016 - vede la nostra regione , tra le isole, con la più alta percentuale di donne tra 14 e 65 anni che hanno subito molestie sessuali o ricatti sessuali sul lavoro nel corso della vita e negli ultimi tre anni: 51,5% contro una media nazionale del 47,2%”.
Come risulta dal report statistiche Istat , se si fa riferimento ai soli ricatti sessuali sul luogo di lavoro si stima che nel corso della vita 2 milioni 173 mila donne (7,5%) in Italia ne sono state vittima per essere assunte, per mantenere il posto di lavoro o per ottenere progressioni di carriera. Sono 167 mila le donne che hanno subito queste forme di ricatto negli ultimi tre anni (l’1,1%). Al momento dell’assunzione ne sono state colpite più frequente-mente le donne impiegate (37,6%), o le lavoratrici nel settore del commercio e dei servizi (30,4%). La quota maggiore delle vittime, inoltre, lavorava o cercava lavoro nel settore delle attività professionali, scientifiche e tecniche (20%) e in quello del lavoro domestico (18,2%).
Il documento è stato firmato oltre che da Cgil, Cisl e Uil anche da Confin-dustria, Confapi, Confartigianato, Cna, Casartigiani, Claai, Confcooperati-ve, Legacoop, Agci, Confcommercio, Confesercenti, Confagricoltura, Coldiretti, Cia, Alpaa e Copagri e dalla Consigliera di parità della Regione Maria Tiziana Putzolu.
In attuazione dell’accordo i firmatari ribadiscono che ogni atto o comportamento che si configuri come molestia o violenza nei luoghi di lavoro è inaccettabile e saranno attuate misure adeguate nei confronti di colui o coloro che li hanno posti in essere. Inoltre i comportamenti molesti e la violenza subiti nei luoghi di lavoro vanno denunciati, e quindi occorre agire per rimuovere il più possibile gli ostacoli che impediscono o rendono difficili le denunce. A tal proposito il report ISTAT documenta che una grande maggioranza del 69,6% delle donne che ritiene grave il ricatto subito sul posto di lavoro non ne ha parlato con nessun collega/a e superiore, e quasi nessuna ha denunciato il fatto alle forze dell’ordine.
Le parti firmatarie dell’accordo sardo dichiarano che sono inaccettabili e vanno denunciati e contrastati anche i comportamenti assimilabili allo stalking e il mobbing da maternità.
L'accordo prevede tra l'altro la firma di una dichiarazione dell’azienda che "ritiene inaccettabile ogni atto o comportamento che si configuri come molestie o violenza nel luogo di lavoro e si impegna ad adottare misure adeguate nei confronti di chi le ha poste in essere".

L’Ufficio Stampa Cisl Sardegna
  






Articoli correlati:




Nella giornata di ieri le organizzazioni sindacali hanno inviato una richiesta di incontro urgente al Terminalista per capire cosa intendo    ...continua








Sette articoli del disegno di Legge ““Disciplina generale per il governo del territorio”, che da martedì prossimo sarà discusso dal Consig    ...continua








“L’approvazione da parte del Consiglio dei ministri del disegno di legge cosiddetto “sulla concretezza” avvia il dibattito e speriamo anche    ...continua