Gavino Carta: “Dopo l’approvazione legge di stabilità e bilancio 2018, la Cisl sarda chiede il riavvio del confronto sulle numerose partite aperte a livello nazionale e regionale”

Cagliari, 09 gennaio 2018

Oltre 45 mesi complessivi di esercizio provvisorio, con approvazioni avvenute anche nel mese di aprile (7 volte) e maggio (4 volte): è questo il risultato dei ritardi nell’approvazione delle manovre finanziarie della Regione Sardegna nel corso delle ultime quattro legislature.
Per questo motivo, la CISL Sarda esprime forte soddisfazione per l’approvazione di legge di stabilità e bilancio 2018 da parte del Consiglio Regionale avvenuta nella giornata odierna.
La necessità di approvare la manovra in tempi celeri e di evitare il ricorso all’esercizio provvisorio, infatti, è stata una delle principali richieste della CISL Sarda emerse nel confronto con la Giunta Regionale e nell’audizione con la Commissione del Consiglio Regionale degli scorsi mesi, tenuto conto che l’esercizio provvisorio ha come effetto principale il rallentamento della spesa e quindi la perdita di efficacia dei diversi strumenti di intervento, anche sul versante economico e sociale, della Regione.
Ora, superato questo scoglio, la CISL Sarda chiede alla Giunta Regionale di riavviare il confronto sulle diverse partite aperte, sia quelle che riguardano il tavolo nazionale, a partire dalla rivisitazione degli accordi con lo Stato, sia la prosecuzione del confronto regionale su sviluppo, lavoro e sociale.
Attuazione dei patti e della programmazione territoriale, politiche del lavoro, spendita dei fondi comunitari, sono certamente i primi temi da affrontare per superare le numerose emergenze e criticità che continuano a interessare diverse aree e fasce di popolazione della nostra Isola.

Il Segretario Generale
Gavino Carta
  






Articoli correlati:



"No all’industria ad ogni costo: la salute dei lavoratori viene al primo posto. E’ arrivato il momento di fermarci a riflettere per fare scelte più    ...continua







Organizzato dalla Cisl di Nuoro importante convegno sul tema “ Amianto. Recuperare i ritardi. Realizzare gli obiettivi”. Il programma prevede la    ...continua






L’ennesimo infortunio mortale sul lavoro, accaduto all’operaio di Nulvi - morto il 17 luglio scorso mentre scaricava tubi in metallo nella zona industria    ...continua