CAF-CENTRO DI ASSISTENZA FISCALE


Il CAF-CISL è un Centro di Assistenza Fiscale (CAF) per lavoratori dipendent e pensionati, in grado di fornire un’assistenza professionalmente qualificata su ogni problema fiscale. In questi anni ha assistito decine di migliaia di persone nella compilazione:

  •   della dichiarazione dei redditi (modelli 730 e Unico);
  •   della dichiarazione e degli F24 relativi a IMU e TASI;
  •   della dichiarazione di successione;
  •   della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) e relativo Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE);
  •   delle richieste di assegni per il nucleo con tre figli minori e dell’assegno di maternità
  •   delle dichiarazioni INVCIV (Icric, Aclas e Aaaaaa)
  •   dei contratti e prospetti paga delle colf e delle badanti
  •   dei contratti di locazione

Hanno inoltre fornito consulenza e assistenza nei rapporti con gli uffici tributari (uffici imposte, uffici del registro, centri di servizio, uffici tributi dei comuni, ecc.).

IL MODELLO 730

Che cosa è
I lavoratori dipendenti e i pensionati, nonché coloro che sono equiparati ai lavoratori dipendenti (soci di cooperative, sacerdoti della Chiesa cattolica, parlamentari nazionali, giudici costituzionali e tutti coloro che sono titolari di cariche elettive, nonché i percettori di indennità sostitutiva di reddito quali disoccupazione, mobilità, indennità per lavori socialmente utili, nonché coloro i quali hanno avuto un rapporto di dipendenza l‘anno precedente a quello di denuncia ma attualmente inoccupati) possono presentare la loro dichiarazione dei redditi utilizzando il modello 730 che consente di assolvere agli obblighi fiscali con modalità semplificate.

Dove presentare la dichiarazione
La dichiarazione deve essere presentata entro il 7 luglio, tramite il Centro di Assistenza Fiscale che fornisce l‘assistenza per la compilazione del modello con il pagamento di un corrispettivo, scontato per gli iscritti alla Cisl.

I vantaggi del 730
Tutti i calcoli sono eseguiti dal CAF che, in caso di errore, ne risponde direttamente. Il contribuente non deve recarsi in banca o all‘ufficio postale nel caso in cui risulti un‘imposta da versare all‘erario, perché tale importo gli sarà trattenuto, a partire dal mese di luglio, in busta paga o sulla pensione. Anche con il modello 730 è possibile usufruire della rateizzazione dell‘imposta. In questo caso, al momento della compilazione della dichiarazione, nell‘apposito spazio, è necessario indicare in quante rate (massimo cinque, sei in assenza di sostituto) si intende effettuare il pagamento. Nel caso in cui la dichiarazione evidenzi un credito questo sarà rimborsato in busta paga o sulla pensione relative al mese di luglio; o direttamente dall‘Agenzia delle Entrate soltanto pochi mesi dopo che è stata presentata la dichiarazione dei redditi. È l‘unico modello che consente di presentare la dichiarazione congiunta. Dal 1999 tutti i modelli 730 consegnati od elaborati dai CAF hanno il visto di conformità. Il centro di assistenza fiscale attesta che quanto indicato in dichiarazione è conforme alla documentazione in possesso del contribuente e alle norme fiscali vigenti e se ne assume la responsabilità, conservando copia della documentazione come previsto dalle norme in vigore dal 2015.

I documenti da presentare
La documentazione da presentare per la compilazione del modello è la seguente:

  •  Fotocopia codice fiscale del contribuente, del coniuge, dei figli e/o di altri familiari a carico, anche per i familiari di extracomunitari
  •  Documento di identità personale del dichiarante e del coniuge (patente, carta di identità o passaporto)
  •  Dichiarazione anno precedente (730 – UNICO) ed eventuali modelli Integrativi/Correttivi (con ricevuta dell‘avvenuta trasmissione) e versamenti con Modello F24
  •  Certificazioni di invalidità e/o di handicap del contribuente e/o dei familiari, di cui alla legge 104/92
  •  Dati del datore di lavoro/ente pensionistico che effettuerà il conguaglio nel mese di luglio 2015

Redditi di lavoro dipendente/pensione e assimilati

  •  Certificazione Unica CU (anche per redditi derivanti da Cassa integrazione, disoccupazione speciale, mobilità)
  •  Certificato delle pensioni estere
  •  Assegni periodici percepiti dal coniuge, in base a sentenza di separazione o divorzio
  •  Attestazione del datore di lavoro delle somme corrisposte a COLF e/o BADANTI

Altri redditi

  •  Certificazione Unica CU
  •  Redditi diversi percepiti dagli eredi
  •  Corrispettivi per la cessione di immobili (fabbricati/terreni agricoli) avvenuti negli ultimi 5 anni, la cessione di aree fabbricabili o la cessione di terreni a seguito di lottizzazione
  •  Mod. CUPE relativo a partecipazioni qualificate (azioni)
  •  Eventuali rimborsi di spese sanitarie detratte in anni precedenti

Terreni e fabbricati

  •  Dati catastali dei terreni e dei fabbricati (visure catastali, atti di compravendita, donazione, divisione, dichiarazioni di successione con relative volture)
  •  Canone locazione da immobili dati in affitto e contratti di locazione ai sensi della Legge 431/98 (contratti d‘affitto)
  •  Per chi ha scelto la cedolare secca: ricevuta raccomandata inviata all‘inquilino, copia del contratto, eventuale modello 69, modello Siria, modello RLI, eventuale pagamento saldo e/o acconti cedolare secca con modello F24
  •  Dichiarazione del Comune per fabbricati inagibili o distrutti

Spese detraibili e/o deducibili

  •  Le ricevute delle spese mediche generiche e specialistiche, per acquisto o noleggio protesi sanitarie, ticket, scontrini per farmaci, anche acquistati all‘estero, (con indicazione della qualità o codice numerico del farmaco acquistato e codice fiscale acquirente), documentazione attestante la marcatura CE per i dispositivi medici (inclusi occhiali da vista), cure termali con prescrizione medica
  •  Ricevute per spese sanitarie sostenute all‘estero
  •  Spese per assistenza specifica dei soggetti disabili (rette casa di riposo con indicazione del costo di assistenza specifica), spese per addetti all‘assistenza personale di soggetti non autosufficienti
  •  Documentazione comprovante il costo per la badante
  •  Spese sanitarie per portatori di handicap (mezzi necessari alla deambulazione, locomozione, sollevamento dei soggetti con difficoltà motoria o sussidi tecnici informatici)
  •  Documentazione relativa all‘acquisto e manutenzione straordinaria di veicoli per portatori di handicap (anche psichico) o per il trasporto di non vedenti, sordomuti o soggetti con gravi limitazioni di deambulazione. Copia della patente e del libretto di circolazione in caso di autoveicoli adattati, eventuale accompagnamento
  •  Documentazione delle spese sostenute per servizi di interpretariato dei soggetti riconosciuti sordomuti L.381/70
  •  Spese per l‘acquisto di cane guida per non vedenti
  •  Spese veterinarie per importi complessivamente superiori a € 129,11
  •  Copia contratti e quietanze di pagamento di interessi passivi per mutui ipotecari e mutui agrari
  •  Copia contratti e quietanze di pagamento di interessi passivi su mutui ipotecari stipulati per l‘acquisto dell‘abitazione principale e/o immobili (anche le quietanze intestate al coniuge a carico)
  •  Fatture pagate al notaio per la stipula del mutuo
  •  Copia contratti e quietanze di pagamento di interessi passivi per mutui ipotecari stipulati per interventi di manutenzione, restauro e ristrutturazione degli edifici (solo se contratti nel 1997) e per la costruzione dell‘abitazione principale (solo se contratti dal 1998)
Attenzione per consentire la definizione dell‘importo detraibile:
  •  in caso di mutuo stipulato per l‘acquisto è necessario portare anche il contratto relativo all‘acquisto (anche se stipulato negli anni passati) e tutti i costi inerenti all‘acquisto sostenuti
  •  in caso di mutui stipulati per la ristrutturazione o la costruzione è necessario portare anche tutte le fatture relative alle spese sostenute per la ristrutturazione o la costruzione, concessione edilizia, copia della comunicazione di inizio e fine lavori
  •  Fatture per compensi pagati a soggetti di intermediazione immobiliare per l‘acquisto dell‘abitazione principale (+ atto di compravendita o eventuale compromesso registrato)
  •  Contratto di locazione per le persone che vivono in affitto
  •  Ricevute dei premi di assicurazione vita, infortuni, rischio morte e invalidità e copia dei relativi contratti
  •  Spese funebri
  •  Rette pagate per l‘asilo nido, tasse per la frequenza di corsi di istruzione secondaria ed universitaria, spese per attività sportiva dei ragazzi dai 5 ai 18 anni, contratti di locazione pagati per studenti universitari fuori sede o convitti
  •  Erogazioni liberali a favore di ONLUS e delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni sportive dilettantistiche, delle società di mutuo soccorso, di istituzioni religiose, per i Paesi in via di sviluppo (versamenti a ONG)
  •  Erogazioni liberali in denaro a favore dei partiti e dei movimenti politici che abbiano presentato liste o candidature elettorali alle elezioni
  •  Erogazioni liberali per la conservazione del patrimonio artistico, a favore dello spettacolo, musicali, per la “Biennale di Venezia”, a favore degli enti universitari, di ricerca nonché degli enti parco
  •  Ricevute versamenti contributivi all‘INPS per gli addetti ai servizi domestici (colf) e per le badanti
  •  Ricevute versamento contributi previdenziali obbligatori o facoltativi (ricongiunzione, riscatto laurea, ecc.), anche per i familiari a carico
  •  Contributi versati ai Fondi di previdenza complementare
  •  Contributi per l‘assicurazione obbligatoria Inail delle casalinghe contro gli infortuni domestici
  •  Assegni periodici corrisposti al coniuge separato o divorziato (Quietanze pagamento: bonifici, vaglia postali, assegni con estratti conto, ricevute sottoscritte dal coniuge con copia documento identità - Sentenza di separazione - Codice fiscale dell‘ex coniuge)
  •  Ricevute di pagamento di contributi a consorzi di bonifica
  •  Spese sostenute dai genitori adottivi per l‘espletamento delle procedure di adozione di minori stranieri certificate dall‘ente autorizzato.
  •  Documentazione per la detrazione relativa alle ristrutturazioni edilizie (copia della comunicazione di inizio lavori inviata al Centro operativo di Pescara con ricevuta della raccomandata, dati catastali dell‘immobile oggetto della ristrutturazione, eventuale copia della comunicazione inviata all‘ASL, concessione edilizia, DIA, SCIA, fatture e bonifici). Per i condomini, per gli interventi sulle parti comuni del condominio, la suddetta documentazione può essere sostituita anche da una certificazione dell‘amministratore di condominio
  •  Bonus mobili: documentazione che attesti l‘avvio delle opere di ristrutturazione, (fatture acquisto, bonifici, ricevute pagamenti carte di credito e/o bancomat, estratto conto) relativa alle spese sostenute per l‘arredo degli immobili ristrutturati
  •  Tutta la documentazione inviata all‘Enea (con relativa ricevuta), compreso le fatture e bonifici, relativa agli interventi per risparmio energetico
  •  Ricevute per erogazioni liberali a favore degli istituti scolastici di ogni ordine e grado

IL MODELLO UNICO

Che cosa è
Il Modello Unico è un modello più complesso rispetto al modello 730 ed è composto da un modello base e da diversi allegati, a seconda del tipo di reddito da dichiarare. Questo modello può essere utilizzato da tutti i contribuenti.

Dove presentare la dichiarazione
I contribuenti che intendono presentare la dichiarazione dei redditi tramite il modello unico possono rivolgersi ai nostri uffici, a partire dal mese di maggio fino al 30 settembre, per la sua compilazione e la trasmissione telematica all‘Agenzia delle Entrate. Presso i nostri uffici è possibile ottenere anche l‘assistenza alla compilazione della dichiarazione e dei modelli (F24) da utilizzare per il versamento delle imposte a saldo o in acconto.

I documenti da presentare
La documentazione da presentare per la compilazione del modello è la stessa prevista per il modello 730 con in aggiunta tutta la documentazione relativa all‘eventuale compilazione di quadri aggiuntivi non presenti nel modello 730.

IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

Che cosa è
Errori commessi nella compilazione della dichiarazione dei redditi possono essere corretti attraverso lo strumento del ravvedimento operoso usufruendo della riduzione delle sanzioni. Per poter beneficiare di questa riduzione è necessario che le correzioni siano effettuate entro precisi limiti di tempo (entro il quarto anno successivo al termine di presentazione della dichiarazione dei redditi da correggere e/o omessa). Oltre alla dichiarazione dei redditi è possibile operare correzioni anche ai versamenti delle imposte, se versati in misura inferiore al dovuto, usufruendo della riduzione delle sanzioni entro gli stessi limiti temporali previsti per la correzione delle dichiarazioni dei redditi.

L’ISE

Che cosa è
La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) e il relativo Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) è un‘autocertificazione che consente, sulla base della effettive condizioni economiche dell‘interessato e del suo nucleo familiare, di usufruire di prestazioni agevolate (assegni per il nucleo familiare, assegni di maternità, riduzioni su rette per asili nido, mense scolastiche, case di riposo per anziani, affitti, tariffe trasporto pubblico, etc. è possibile rivolgersi ai nostri uffici per ricevere assistenza e informazioni necessarie alla compilazione della dichiarazione dei redditi posseduti dall‘intero nucleo familiare. Questo servizio, grazie ad apposite convenzioni con gli Enti Pubblici erogatori di queste prestazioni, è completamente gratuito.

Dove presentare la dichiarazione
I cittadini interessati alle prestazioni sociali agevolate legate al reddito e al patrimonio possono recarsi ai CAF per compilare la dichiarazione sostitutiva unica.

Quando andare al CAF
L‘ISEE scade entro il 16 gennaio successivo alla data di sottoscrizione, termine oltre il quale, se necessaria la presentazione di tale documento, occorre predisporne un altro con i nuovi dati economici aggiornati.

Documenti necessari
Per ciascun componente il nucleo familiare, al fine di ottenere il calcolo dell‘ISEE, è necessario avere alcune informazioni senza le quali non è possibile elaborare la pratica.

Dati anagrafici
  •  Fotocopia Codice Fiscale dei componenti il nucleo familiare (per coniuge e figli a carico anche con diversa residenza)
  •  Fotocopia documento di identità in corso di validità (per il solo dichiarante e/o del tutore/rappresentante legale)
  •  Contratto di locazione registrato (se il nucleo risiede in affitto)
Redditi relativi ai due anni precedenti la compilazione della DSU
  •  Modello 730 e/o modello Unico (reddito complessivo ai fini Irpef)
  •  Modelli CU rilasciati dal datore di lavoro e/o ente pensionistico
  •  Dichiarazione Irap (per imprenditori agricoli)
  •  Certificazione o modello CU attestante i compensi percepiti per prestazioni occasionali, da lavoro autonomo, etc.(es: venditori a domicilio, ritenuta d‘acconto, etc)
  •  Certificazione relativa ai redditi esenti da imposta (esclusi i trattamenti erogati dall‘Inps)
  •  Certificazioni relative a trattamenti assistenziali, indennitari previdenziali non soggetti ad Irpef (esclusi i trattamenti erogati dall‘Inps) erogati dalla pubblica amministrazione (es: minimo vitale)
  •  Certificazione relativa ai redditi da lavoro dipendente prodotti all‘estero
  •  Dichiarazione dei redditi presentata all‘estero per i redditi prodotti all‘estero (dai residenti all‘estero iscritti all‘Aire)
  •  Assegni di mantenimento percepiti o erogati per il coniuge e/o per i figli (per i figli anche in assenza di sentenza di separazione)
Patrimonio mobiliare relativo al 31 dicembre dell‘anno precedente la compilazione della DSU
  •  Depositi e c/c bancari e postali: saldo al 31 dicembre e giacenza media annua
  •  Titoli di stato, obbligazioni, certificati di deposito, buoni fruttiferi (per i quali va assunto il valore nominale)
  •  Azioni o quote di investimento, partecipazioni azionarie in società italiane ed estere quotate, partecipazioni azionarie in società non quotate, masse patrimoniali
  •  Altri strumenti e rapporti finanziari
  • Per tutte le tipologie di patrimonio mobiliare posseduto è necessario indicare l‘identificativo del rapporto, il codice fiscale dell‘operatore finanziario, la data di inizio e fine del rapporto finanziario.
  •  Contratti di assicurazione (per i quali va assunto il valore dei premi versati alla data del 31 dicembre)
  •  Patrimonio netto per le imprese in contabilità ordinaria e valore delle rimanenze finali e del costo dei beni ammortizzabili per le imprese in contabilità semplificata
Patrimonio immobiliare relativo al 31 dicembre dell‘anno precedente la compilazione della DSU
  •  Visure e/o altra certificazione catastale (atti notarili di compravendita, dichiarazione di successione, etc.)
  •  Valore delle aree edificabili
  •  Quota capitale residua del mutuo (certificazione banca e/o piano di ammortamento)
  •  Documentazione attestante il valore ai fini IVIE degli immobili detenuti all‘estero
  •  Atto notarile di donazione di immobili (solo in caso di richiesta di prestazioni socio–sanitarie residenziali a ciclo continuativo)
Portatori di handicap
  •  Certificazione dell‘handicap (denominazione ente, numero del documento e data del rilascio)
  •  Retta pagata per il ricovero in strutture residenziali (nell‘anno precedente la presentazione della DSU)
  •  Spese pagate per l‘assistenza personale detratte/dedotte nell‘ultima dichiarazione dei redditi presentata; non deve essere inserita la spesa per badante
Autoveicoli e imbarcazioni di proprietà alla data di presentazione della DSU
  •  Targa o estremi di registrazione al P.R.A. di autoveicoli e motoveicoli (di cilindrata pari o superiore a 500cc) intestati ad ogni componente del nucleo familiare
  •  Targa o estremi di registrazione al R.I.D. di navi e imbarcazioni da diporto intestati ad ogni componente del nucleo familiare

PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

Assegno di maternità
Possono richiedere questa prestazione le partorienti che non hanno altra integrazione corrisposta a questo titolo. La domanda deve essere presentata entro sei mesi dalla data del parto. L‘assegno corrisposto per le nascite per l‘anno 2017 può arrivare fino ad un massimo di Euro 1694,45.

Assegno per il nucleo familiare
Possono richiedere questa prestazione le famiglie con almeno tre figli minori. La domanda per l‘assegno al nucleo familiare deve essere presentata entro il 31 gennaio dell‘anno successivo a quello per il quale si richiede l‘assegno. L‘assegno corrisposto per l‘anno 2017 può arrivare ad Euro 1836,90, in funzione del livello di reddito ISEE e in base alla data di nascita dei figli componenti il nucleo familiare.

Altre prestazioni
Altre prestazioni che possono essere collegate all‘ISE (o ISEE in caso di equivalenza) sono:

  •  Bonus energia
  •  Asili nido e altri servizi per l‘infanzia
  •  Mense scolastiche
  •  Prestazioni scolastiche (libri, borse di studio, ecc)
  •  Agevolazioni per tasse universitarie
  •  Servizi socio–sanitari domiciliari
  •  Agevolazioni per servizi di pubblica utilità (luce e gas)
  •  Agevolazioni sulle tariffe del trasporto pubblico
  •  Agevolazione sui canoni telefonici
Quando andare al CAF
Per le prestazioni sociali agevolate non esiste un termine generalizzato, infatti la scadenza dipende dalle delibere e dai regolamenti dei singoli Comuni o degli enti che erogano tali prestazioni.

DENUNCIA DI SUCCESSIONE

Che cosa è
La denuncia di successione è l‘atto formale mediante il quale viene trasferita la titolarità del patrimonio mobiliare e immobiliare del deceduto (DE CUIUS) agli eredi.

Dove presentare la dichiarazione
La denuncia di successione deve essere presentata all‘Agenzia delle Entrate nella cui giurisdizione ricadeva l‘ultima residenza del De Cuius. Se la residenza era all‘estero oppure è sconosciuta, la denuncia deve essere presentata all‘Agenzia delle Entrate di Roma.

Quando andare al CAF
La successione deve essere presentata all‘Agenzia delle Entrate entro un anno dalla data di decesso. Occorre quindi presentarsi al CAF, dopo aver raccolto la necessaria documentazione, in tempo utile per poter istruire la pratica.

DOCUMENTI NECESSARI
Successioni legittime

  •  Certificato di morte
  •  Dichiarazione sostitutiva di atto notorio con elenco degli eredi
  •  Visure catastali degli immobili
  •  Copia degli atti di acquisto a vario titolo
  •  Dati anagrafici, residenza, codici fiscali di tutti gli eredi e del de cujus (copia della carta d‘identità e del tesserino codice fiscale o tessera sanitaria)
  •  Eventuali estratti di c/c alla data di morte del de cujus redatti su carta intestata della banca
  •  Eventuale fotocopia di libretto postale
  •  Eventuale bollo da € 16,00 per copia conforme (necessaria nel caso in cui l‘asse ereditario comprenda beni mobili quali: c/c bancari e postali, buoni fruttiferi, titoli azionari, obbligazioni, libretti di risparmio, etc)
Successioni testamentarie
  •  Certificato di morte
  •  3 copie autentiche del verbale di pubblicazione del testamento
  •  Visure catastali degli immobili
  •  Copia degli atti di acquisto a vario titolo
  •  Dati anagrafici, residenza, codici fiscali di tutti gli eredi (copia della carta d‘identità e del tesserino codice fiscale)
  •  Eventuali estratti di c/c alla data di morte del de cujus redatti su carta intestata della banca
  •  Eventuale fotocopia di libretto postale
  •  Eventuale bollo da € 16,00 per copia conforme (necessaria nel caso in cui l‘asse ereditario comprenda beni mobili quali: c/c bancari e postali, buoni fruttiferi, titoli azionari, obbligazioni, libretti di risparmio, ecc)
Eventuale documentazione accessoria
  •  Atti di acquisto a vario titolo (usucapione, acquisto, eredità, donazione, ecc)
  •  Atto di rinuncia all‘eredità (solo se presenti eredi rinunciatari): deve essere prodotto in 3 copie autentiche (in bollo)
  •  Documentazione riguardante azioni, obbligazioni, possesso di titoli a vario titolo, con l‘indicazione della quotazione alla data di morte del de cujus



sede responsabile indirizzo telefono fax mail
CAGLIARI ROBERTO SALONE Viale Armando Diaz 88 09125 CAGLIARI 070 3490211 070 3481658 rf.cagliari@cisl.it
IGLESIAS SABRINA SADERIS Via Roma 78 09016 IGLESIAS 0781 32740 0781 32740 rf.iglesias@cisl.it
MEDIO CAMPIDANO ROBERTO SALONE Via Roma 51 09025 Sanluri 070 8575051   rf.cagliari@cisl.it
NUORO ROBERTO SALONE Via Vittorio Emanuele 34 08100 NUORO 0784 37177 0784 230955 rf.nuoro@cisl.it
OLBIA GIULIANA BECUGNA Via Monte Rosa 5 07026 OLBIA 0789 26610 0789 202574 rf.olbia@cisl.it
ORISTANO GIAN MAURO ALLEGRETTI Piazza Roma/Pal. So.Ti.Co. 09170 Oristano 0783 779459 0783 301547 rf.oristano@cisl.it
SASSARI MARINELLA COSTA Via IV Novembre 53 07100 Sassari 079 270420 079 276482 rf.sassari@cisl.it
TORTOLÌ STEFANIA LIGAS Via Grazia Deledda snc 08048 Tortolì 0782 62330 0782 622191 rf.tortolì@cisl.it

Per avere maggiori informazioni e conoscere le sedi zonali e periferiche del CAF CISL:
www.CAFcisl.it